218 — So’ stata abbannunata d’ ’a mamma, e d’ ’o patre

So’ stata abbannunata d’ ’a mamma e d’ ’o patre, ’E meglio amice mie m’ hanno traruto; Eggio mangiato pane ’mpaniato, Acqua cu’ li vierme aggio vevuto; Si me n’arrivo ascì’ da li surdate, ’E panne ’e voglio appennere pe’ bute.

Son stato abbandonato dalla madre e dal padre, i meglio amici miei mi hanno tradito. Ho mangiato pane ammuffito acqua con i vermi mi ha dissetato. Se arrivo a lasciare i panni di soldato, i panni voglio appenderli per voto.