213 — Miezo Caruotto voglio armà’ ’na rota

Miezo Caruotto voglio armà’ ’na rota Pe’ verè’ quante ninne i’ aggio amato; Si nce metto Caruotto o revuoto, Nce ronghe rote a chi pena m’ ha rato; E si vago a l’Inferno i’ pure rote, Nce ronghe pene a l’àneme rannate.

In mezzo al Piano voglio armar la ruota per contare le donne che ci ho amato. E metto il Piano a soqquadro e do la ruota a chi pena m’ha dato. E se vado all’inferno pure là una ruota: ci do la pena alle anime dannate.