211 — Da Napue so’ partute

Da Napue so’ partute Cinquanta bastemiente Andarono ’Mbarbarìa, Pe’ fà’ ’nu buon viaggio, E simmo arrevate Barbarìa, Cu’ la Vergine Maria, Quanno fu lu mese ’e abbrile, Nce credevono murire, La notizia già arrivata A lu Console Francese, Che cantassemo sotto Bona, De governà’ chella bannera; Che cantassemo sotto Bona, ’E governà’ chillu paese; Ma ’ste barche de la Cava Ciente scude le pagasse Pe’ ’nu ruotolo de curallo; Ciente scude le pescasse Tutt’ ’e varche le pagasse Fuora chella ’e le trabocche, Pecché tra ’na ventina Tira e molla la sferzina; Quanno ’e lu sabato a sera, Manca la pelle a la casa portasse.

Da Napoli son partiti cinquanta bastimenti: andarono in Barberia per fare buon viaggio. E siam giunti in Barberia con la Vergine Maria; e quando fu il mese di aprile ci credevamo morire. La notizia già arrivata al Console francese che cantassimo sotto Bouna di governar quella bandiera; che cantassimo sotto Bouna di governare quel paese. Ma queste barche della Cava cento scudi le pagherei; per un rotolo di corallo, cento scudi se lo pescassi tutte le barche le pagherei fuor che quella dei trabucchi, perché tra una ventina tira e molla la sferzina. Quando è il sabato sera neppure so se porterò a casa la pelle.