210 — Mammeta rice, che tiene li casce

Mammeta rice, che tiene li casce, A rinto tiene caccavelle ’e Sessa; Ma i’ nu’ curo ca nu’ tiene casce. Baste che tiene ’o ciardeniello frisco; Ca i’ nu’ vaco appriesso a li turnise, Nenne’, la grazia vosta me piace.

Tua mamma dice che tieni le casse ricolme di pentole di Sessa. Ma io non curo che tu tieni casse: basta che tu abbia il tuo giardino fresco, ché io non corro dietro ai denari. Nenna, la vostra grazia mi piace.