206 — T’aggio amato ’n anno e va pe’ duje

T’aggio amato ’n anno e va pe’ duje, Cu’ la ’ntenzione de me te pigliare; Me nc’ è caruta la mala fortuna, ’Nzurato s’è ’o ninno mio, senz’ aspettare. Si tu me vuô aspettare ’n auto anno, Tu te faje la cammera e i’ li panni, Se me vuoje aspettare ruje ate mise, Tu me faje l’anella e i’ li casciune.

Ti ho amato un anno, quasi due: con la promessa di andare all’altare. Mi è capitata la mala fortuna: si sposa il nino mio, senza aspettare. Se mi vuoi far aspettare un altro anno tu fai la camera e io i panni; se vuoi farmi aspettare altri due mesi tu mi fai l’anello e io il corredo.