203 — Chi dice ca mo’ vene, oh! ca mo’ vene

Chi dice ca mo’ vene, oh! ca mo’ vene! Comme ’na luna le voglio ascì’ ’nnante. Doje parole io po’ nce voglio dire: — « Ch’haje fatto fora, ch’haje tricato tanto? « Me n’haje fatto piglià’ malinconia, « Ora pe’ ora ’nu pasto de chianto! » Ma mo’ che torna a casa Ninno mio; Zitte, zitt’uocchie mieje e nu’ chiù chianto.

Chi dice che mo viene, oh! che mo viene! Come la luna voglio andargli incontro. Due parole poi gli voglio dire: — « Che hai fatto fuori, che hai tardato tanto? Mi hai fatto prender malinconia, ogni ora una bevuta di pianto! » Ma or che torna a casa nino mio, zitti, zitti occhi miei, non più pianto!