201 — Ch’addore de caruofene, che sento

Ch’addore de caruofene, che sento! ’Mpietto a nennella mia nce sta ’na schianta. Chiste nu so’ caruofene, né amente, È ’o sciato ’e nenna mia ch’addora tanto. Si quaccheruno me la tene mente, Nce lu faccio pigliare l’uoglio santo; E si mammeta toja n’è cuntenta, Tu munacella e i’ monaco santo.

Che odore di garofani che sento...! Ce ne sta un mazzo in petto a nenna mia! Questi non son garofani, né menta: è fiato di nenna mia che odora tanto! Se qualcuno me la guarda con la voglia glie lo faccio pigliare l’olio santo! E se mamma tua di noi non è contenta tu ti fai monachella e io monaco santo.