200 — Arevo peccerillo te piantaje

Arevo peccerillo te piantaje, E t’aracquaje cu’ lu mio surore. Vene ’nu viento e ne vuttaje ’nu ramo, La verda fronna tramutaje colore: Lu frutto roce se nce fice amaro: Addò è ghiuto lu rorge sapore? Viènece, Morte, e trovece reparo, Mo’ che la bella mia ha cagnato amore.

Albero pargoletto ti piantai ti innaffiai con il mio sudore. Il vento viene me ne strappa un ramo la fronda verde mutò di colore. Il frutto dolce mi si fece amaro: dov’è perduto quel dolce sapore? Vieni qui, morte, trovaci rimedio, tanto la bella mia ha cambiato amore.