199 — Dummeneca matina de li Parme

Dummeneca matina de li Parme Pe’ me nu’ fosse fatto maio juorno! Jette a la ghiesia pe’ purtà’ la’ parma, Me li bedette ciente sbirre attuorno I’ le dicette: — « N’aggio fatto danno; « N’aggio acciso nisciuno a ’sti cuntuorne. » « Da Napule è benuto la cunnanna, « Di stà’ cu’ nenna mia notte e ghiuorno. »

Domenica mattina delle Palme non si fosse mai per me levato giorno! Alla chiesa andai, per portar la palma: mi vidi almeno cento sbirri attorno. Gli dissi: — Non ho fatto danno, non ho ucciso nessuno a ’ste contrade! Da Napoli è venuta la condanna: stare con nenna mia la notte e il giorno.