197 — Mamma, che de figliete haje paura

Mamma, che de figliete haje paura, Voglio vedere, si la saje guardare. Carrea prete e fraveche li mura; ’Mmocca a la porta toja torra tu faje, Po’ la ’nzierre cu’ sette mascature, Comme ’na casciulella de denare; Si qua’ juorne me tenta la fortuna, Scasso li porte e la vengo a truvare.

Mamma, che di tua figlia hai paura, voglio vedere se la sai guardare. Disloca macigni, fabbrica mura, davanti all’uscio ergile una torre. Serrala poi con sette serrature come una cassa piena di tesori. Ma se qualche giorno mi tenta la sorte scasso le porte e la vengo a trovare.