194 — Lu spasso de lu ventre è lu pane

Lu spasso de lu ventre è lu pane; Lu spasso de in vino so’ i prummune; Lu spasso de lu lèpere è la tana, Lu spasso de li sierpe so’ i ceppune; Lu spasso dei maiste so’ i sculare; Lu spasso de li libri so’ i rutture: Si vuò sapere lu meglio spassare; Quanno me spasso ’nu poco cu’ vuje.

Il piacere del ventre: il pane. Il piacere del vino: la gola. Il piacere della lepre: la tana. Il piacere delle serpi: i cepponi. Il piacere dei maestri: gli scolari. Il piacere dei libri: i dottori. Sei vuoi sapere il miglior piacere: quando mi prendo piacere con voi.