192 — Figliola, ca si’ bella e nun abballe

Figliola, ca si’ bella e nun abballe, Nce tiene ’nu pertuso a la vunnella. Vaje chiù sotto, nce truove ’na palla; Nce vanno trenta ròtue de pelle De stoppa nce ne vanno diece balle, De pece nce ne vole ’nu vasciello, Si te la vuò sanare chesta palla, Nce vo’ ’na botta de lu mio martiello.

Figliola, che sei bella ma non balli: attenta, ché hai uno sgarro nella gonna! E se cerchi sotto, troverai una falla: per turarla trenta rotoli di pelle, di stoppa ne consumi dieci balle e di pece non ti basta un bastimento. Ma se tu la vuoi sanare questa falla serve una botta di questo martello!