191 — Figliola, datte vota a sa jenesta

Figliola, datte vota a sa jenesta ’A tiempo, che t’amavo, i’ era pazzo. Mammeta va agghiustando parentezza, Tu nu’ si’ bona manche pe’ vajasse, Si nu’ tiene creanza, i’ te ne ’mpara; Si tu nu’ parle poco, abbusche ’nfaccia. Nu’ piglia tante botte ’na galessa; Quante ciefere piglie int’a ’sa massa.

Figlia, appìccatici a ’sta finestra! Al tempo che t’amavo io ero pazzo. Tua madre parla d’imbastir parentela: tu non sei buona manco a far da serva. Se non sai di creanza io te ne insegno: meglio che parli poco o tu ne buschi! Un calesse non prende tante botte quanti cefali vanno nella nassa.