187 — I’ era peccerillo re ruie anne

I’ era peccerillo re ruie anne. Mamma me risse: — « Nun amare ronne! » I’ la ’ntenniette ’nzino a li vinte anne, A li vintune po’ amaje doie ronne. Nce n’amaje una ch’era ’na tiranna; L’ata me fece perdere lu suonne. Avesse ’ntiso chella cara mamma, Nu’ nce avarria perzo lu mio suonne.

Io ero un fantolino di due anni e mamma me lo disse: — Non amare donne. Fino ai vent’anni la volli ubbidire e poi ai ventuno volli amar due donne. E la prima che amai fu una tiranna, la seconda mi ci fa perdere il sonno. Avessi dato retta alla mia mamma! Non ci avrei perso il bene del mio sonno.