186 — Misero me! So’ povero marvizzo

Misero me! So’ povero marvizzo, Tengo lu pizzo abbampato re fuoco; Vene lu cacciatore e m’adderizza. ’Ncoppa a ’sta vita mia fa festa e giuoco Po’ m’have ’mmano e tutto me spellizza, Po’ me nce mette a chillo ardente fuoco; Accussì è la ronna quanno se ’ncrapizza. Me porta all’uorto a cogliere viole.

Misero me! Son povero tordo, tengo la testa una vampa di fuoco. Viene il cacciatore e mi stordisce: di questa vita mia fa festa e gioco. Poi m’ha per le mani e mi finisce: mi ci mette in quell’ardente fuoco. Così è la donna quando s’incapriccia: mi porta all’orto a cogliere viole!