185 — Misero me! So’ povero surdato

Misero me! So’ povero surdato La mia libertà l’aggio perduta. Aggio mangiato pane re furzato. E l’acqua cu’ li vierme aggio vevuta. Mamma e tata m’hanno abbannunato, Li meglie amice miei m’hanno traruto. Si lu cielo me scampa ra surdato. Voglio fà’ pace cu’ chi m’ha traruto.

Misero me! Son povero soldato; la mia libertà io l’ho perduta. Ho mangiato pane di forzato e acqua con i vermi ne ho bevuta. Mamma e padre m’hanno abbandonato; i meglio amici miei m’hanno tradito. Se il cielo me ne scampa da soldato vo’ far pace con lei che m’ha tradito.