182 — Jette a Roma pe’ me fare Papa

Jette a Roma pe’ me fare Papa, E pe’ la via addeventaje paputo; Jette pe’ dà’ ’nu muorzo a ’nu senape, ’Mmocca me venne ’na cimma d’aruto. Vuò’ mettere lu pede addò nu’ cape; Là nce può sciulià’ e te derrupe. Sì vuò sapere addò stanno lì crape. Addò vide ’nturnià’ spisso lu lupo.

A Roma andai per diventare Papa ma per la via mi ritrovai papùto. Vado per dar morsi a una senàpe: in bocca mi sento una cima di ruta. A mettere il piede dove non ci cape tu ci puoi scivolare e ti dirupi. Se vuoi sapere dove stan le capre: dove vedi aggirarsi spesso il lupo.