180 — Nce vulimmo amare e le gente nu’ bonno

Nce vulimmo amare e le gente nu’ bonno, Vih! che ne vônno ’ste gente da mene. Vônno, che de ’sti panne me ne spoglio; Che nu’ pozzo fà’ l’ammore in aterno. Si nce venesse la Regina de Spagna, E me decesse: « Amore nu’ amà’ chiù donna! » Cu’ ’na spata me passa vanna vanna; Nu’ ’nganno nenna mia pe’ ’n aura ronna.

Ci vogliamo amare e la gente non vuole. Ma che ne vuole ’sta gente da me? Vogliono che dei miei panni io me ne spogli, ché non posso fare l’amore in eterno... Ma io, venisse pure la maestà di Spagna e mi dicesse: — Amore, non amare donne, e con la spada mi passasse parte a parte... Io non rinnego nenna mia per altre donne.