178 — Galera, cu’ ’sti nove peramente

Galera, cu’ ’sti nove peramente. Tu staje scuverta ciento miglie a mare. Li bele r’oro e li rimme r’argiento. Quanto chiù puorte tu, chiù bella pare. Galera, si nce ’ncappa sotto viento, Le bele abbascio e te faccio acalare: N’aggio paura r’acqua nè de viento, Tengo nennillo mio marenare.

Galera dai nuovi paramenti, stai scoperta cento miglia a mare. Vele d’oro e remi d’argento quanto più porti tu più bella pari! Galera, se m’incappi sotto vento giuro che le vele ti faccio calare. — Non ho paura d’acqua né di vento: tengo ninnillo mio marinaio.