173 — Nu’ se pozza palazzo fravecare

Nu’ se pozza palazzo fravecare Sì n’ accummenza da li peramente; Nu’ se pozza la terra sgariare Si nu’ nce stanno li sette alimente; Nu’ se pozza a la ghiesia prerecare, Si nu’ nce sta ’nu popolo de gente; A lietto frisco nu’ ti i’ ’a cuccare, Si nu’ nce sta ’na nennella valente.

Palazzo nuovo non si può fabbricare se non s’inizia dalle fondamenta. Chi saprebbe arare la terra se vengon meno i sette alimenti? Alla chiesa, poi, come predicare se manca il gran concorso della gente? In letto fresco non ti ci coricare: a meno che... non ci trovi una nenna valente!