171 — So’ stato a Roma e me so’ confessato

So’ stato a Roma e me so’ confessato. L’aggio ritto: « Patre, nu’ me vo bene! » Isso m’ha ritto: « Va che sei rannato; « La gente r’auti amare nu’ cunviene! »

Son stato a Roma e mi son confessato. Gli dissi: « Padre, non mi vuol bene! » Lui mi rispose: « Va’, che sei dannato: donna d’altri non ti è permesso amare! »