164 — Chist’uocchie tuoje quanto so’ belli

Chist’uocchie tuoje quanto so’ belli.... Parene doie stelle fra [la] luna e [lu] sole. Quanno tu l’auze, me fanno ’nammurare, Quanno l’abbasce, me rubano ’o core. Quanno tu l’arze e po’ rimiri ’a terra, Che haje, dolce mio ben, che mi fai guerra? Quanno tu l’arzi e poi miri la terra, Che haje, o bene mio, che allor m’acciri?

Questi occhi tuoi quanto son belli! Sembran due stelle fra la luna e il sole. Quando li alzi, mi fanno innamorare; quando li abbassi mi rubano il cuore. Quando li alzi e poi guardi in terra che hai, dolce mio ben, che mi fai guerra? Quando li alzi e poi miri la terra che hai, bene mio, che allor mi uccidi?