163 — Palazzielio, re fierro ben guarnuto

Palazzielio, re fierro ben guarnuto, Vecino nu’ nce pônno ’e cannonate. Nce lu vurria fare ’nu sternuto; ’Nterra lu palazziello sgarrupato. Le gente â dinto chiammerranno aiuto. — « Chi è lu giuveniello tant’armato? « Facite festa, che l’aggio vinciuto; « ’Sta nenna cu’ seciento nammurate! »

Palazzo amato, ferrigno e ben guarnito, che non ci posson nulla cannonate. Io ci vorrei fare appena uno sternuto e già il palazzotto è sgarrupato. La gente dentro va chiamando aiuto: — Chi è quel giovanotto tanto armato? Fate festa, ché ho guadagnato la nenna mia su seicento innamorati.