162 — ’Nu juorno stevo cu’ li miei penziere

’Nu juorno stevo cu’ li miei penziere, E dinto san Michele m’arorava; Receva paternuoste e miserere Comme ’o solito mio, soleva fare. Scappa la lampa e rompe la lumera. I’ steva â sotta e l’etta da pavare. Vih! quant’è granne la fortuna mia; I’ vaco pe’ fà’ buono e faccio male.

Io stavo un giorno con i miei pensieri, a san Francesco, e tra me e me pregavo. Dicevo paternostri e misereri come al solito mio io soglio fare. Scappa la lampada e se ne svelle il lume: e io che stavo sotto l’ebbi a pagare. Vedete quant’è grande la fortuna mia: voglio far bene, finisco per far male!