159 — Aizo l’uocchie ’ncielo e vevo ’na stella

Aizo l’uocchie ’ncielo e vevo ’na stella. Potenzia d’amore, quanto si’ bella! Chiammo a Rosa e responne ’Ngiulella. Dimme, figliola, qua’ te pare bella? E quanno che nce vavo appiero a chella, Me nce vo’ fà’ murì’ la cana bella. Chella se po’ chiammà’ la vera stella, Chella che porta ’mpietto doje ruselle.

Alzo gli occhi e in cielo sta una stella: potenza d’amore, quanto sei bella! Chiamo Rosa e risponde Angiolella. — Dimmi, figliola, qual ti pare bella? Da quando le vado dietro, lei mi ci vuol far morire, infame e bella. Colei si può chiamar la vera stella: colei che porta in petto due roselle.