154 — Quanto si’ brutto, ca puozz’essere acciso

Quanto si’ brutto, ca puozz’esse[re] acciso, ’Nganne la puozz’ ave’ ’na scoppettata, E nce puozze murire comme ’e ’mpiso, Senza li lume e li cannele ’ncapo. Vint’ anne puozze stà’ ’ngalera ’nvita, Vint’ anne puozze stà’ a lietto perciato; Poi tante vote puozze essere accise, ’Nfino che truove ’n’ata ’nnammurata.

Quanto sei brutto, che tu possa esser ucciso! Possa coglierti in gola fucilata e possa morire come un impiccato senza i lumi e le candele in capo. Venti anni possa stare in galera a vita venti anni ancora a letto atrofizzato. Poi tante volte ancora essere ucciso fino a che trovi un’altra innamorata.