153 — Into a su luogo nu ’se nce po’ stare

Into a su luogo nu ’se nce po’ stare Cu lu rummore de li ziarelle, Nc sta ’na nenna, che le sape fare, Tutte chelle ore che pareano belle. Tene la mamma, che è ’na ruffiana, Se va vantanno ca la figlia è bella. Nc’ aggio mannato se me la vo rare, Ha retto, ca la veste munacella; ’A jastemma, che m’aggio mannato, — « Se le pozza tegnere ’a vunnella! »

In questo sto luogo non ci si può stare: troppo rumore fan ’ste cianfrusaglie! E c’e una nenna che sa come fare a far passar le ore, le più belle. Ma la sua mamma, che è una ruffiana, si va vantanno che la figlia è bella. Le ho mandato imbasciata, se me la vuol dare; m’ha detto che la fa monachella! Il malaugurio che le ho mandato: — « Le si possa macchiare la gonnella! »