152 — Into a’ ’stu core nc’ è ’na palummella

Into a’ ’stu core nc’ è ’na palummella, Quante se preja pe’ lu suio valore. Nce è ’nu farcone cu’ la campanella, Va intorno, intorno, che s’ ’a vo’ pegliare; E si la piglia nu’ ’la tocca ’nterra, ’Nzino a lu cielo la sta appurtanne. Essa se vota, graziosa e bella — « Seguita, amore mio, che m’avarraie. »

Dentro ’sto cuore c’è una palombella, di alto pregio e più alto valore. E c’è un falcone con la campanella, va attorno attorno ché se la vuol pigliare. E se la prende non le fa toccar terra: fino al cielo se la vuol portare. E lei si volta, graziosa e bella: — « Seguita, amore mio, ché mi avrai. »