147 — Sera passai e tu, bella, durmive

Sera passai e tu, bella, durmive Tutto ’stu giardeniello cammenaje, Dinto nce steve ’na fica gentile I’ pe’ crïanza po’ nu’ la tuccaje Po’ te faciette ’n ata curtesia Steve scuverta e i’ te cummegliaje E una cosa nce restaie currivo..., Fuoco allummato e nu ’mme rescaldaje.

Di sera passavo e tu, bella, dormivi. Io in tutto il tuo giardino camminai. E in mezzo al giardino un fico gentile, ma per scrupolo mio me ne scansai. Con te poi fui più cortese ancora: ti eri scoperta e io ti ricoprii. Di una cosa sola ci rimasi male: il fuoco era acceso e io non mi scaldai.