146 — Ve manno cientemilia bone sere

Ve manno cientemilia bone sere, E ve le manno a la napulitana. Tu scinne e miette l’uoglie a la cannela Che spassà’ nce vulimmo fino a dimane; Si pe’ sciorta lu suonne te vene, Comme te vene t’ ’o faje passare. Si mamma toja me volesse bene Cu’ buie me lassaria fino a dimane.

Vi mando centomila buonasera, e ve le mando alla napoletana! Tu scendi e metti l’olio alle candele: ché ci vogliamo spassare oggi e domani. Ti venisse sonno, per caso? E se ti viene, come ti viene così lo fai passare. Se mamma vostra poi mi volesse bene, con te mi lascerebbe... oggi e domani!