145 — Vih! che faciette dummeneca matina

Vih! che faciette dummeneca matina, Me ne jette a mangiare a Posetano; Me mangiaje ’nu puorco e ’na jallina ’Nu pucuriello cu’ tutta la lana; De maccarune ’nu spurtiello chino, De palatelle ’na ’nfurnata sana, Doppo ’stu ventre mio nun era chino, Menava tuocco comm’ a ’na campana.

Lo sai che ho fatto domenica mattina? A Positano me ne andai a mangiare: e mi mangiai un porcello e una gallina un agnellino senza tôr la lana di maccheroni una zuppiera sana e pure un’infornata di panelle. Ma dopo questo ventre mio non era sazio: suonava vuoto come una campana!