142 — Sia beneritto chi fece lu munno

Sia beneritto chi fece lu munno, Chi nce lu fece, lu sapette fare, Fece primma la notte e po’ lu juorno, E lu sapette crescere e mancare Po’ nce fece lu mare tuorne tuorne. Nce fece li vascielle pe’ navegare; E po’ te fece a te, penta palomma, E te nce fece pe’ me ’ncuitare.

Sia benedetto chi fabbricò il mondo, ché chi lo fece sì che seppe fare! Fece prima la notte e dopo il giorno, e poi li fece crescere e scemare; poi fece il mare, tutt’intorno intorno, e fece i bastimenti a navigare. E poi fece te, colomba lucente, e ti ci fece per il mio tormento.