140 — Preveto, levàtella ’sa suttana

Preveto, levàtella ’sa suttana, [Vi] comme te può verè’, senza mugliera; Quanno è la sera che te vaje a cuccare, Truove lu pizzo friddo e te despiere.

Prete, gettala alle ortiche la sottana: come ti puoi pensare senza donna? Quando la sera te ne vai a dormire trovi il tuo letto freddo e ti disperi.