138 — Rusella, che nasciste a lu reserto

Rusella, che nasciste a lu reserto, Maie pe’ me aracquata tu ne foste. Nu ’me fà’ ire pe’ lu munno spierto , Comme ’a la nave, che va a lu puorto, La nave quanno perde lu trinchetto, Subetamente va truvanno puorto, I’ a li strazie tuoje nu ’sto suggetto, Si sto ’mbascia furtuna, nu’ so’ muorto.

Rosella che nascesti nel deserto, mai da me irrorata tu fosti. Non farmi andare per il mondo sperso come la nave che va cercando porto. Alla nave se perde il trinchetto altro non resta che cercarsi un porto. Agli strazi tuoi non sto soggetto: sto in bassa fortuna, e non son morto.