135 — Donna gentile, tu nun ’haje paraggio

Donna gentile, tu nun haje paraggio, Tu ’nchiuove cu’ parlà’, sai scrive e leggere; Pare a lu sole haje tu chiù de ’nu raggio: La luna pe’ bellezza te putregge. Quante donne a lu Chiano veduto aggio, E tu sola ne puorte ’e sciure ’e maggio.

Donna gentile, non hai chi ti sia pari! Incateni parlando, di lettere t’intendi; come un sole illumini e riscaldi, la luna per bellezza ti protegge. Quante donne al Piano ne ho vedute: ma tu sola porti fior di maggio.