123 — Vurria menà’ ’nu lazzo fra li cieli

Vurria menà’ ’nu lazzo fra li cieli, Vurria cuntà’ li stelle una pe’ una. Sabet’ â sera li ghiette a cuntare, Pe’ mia disgrazia nce ’ntuppaje la luna; La luna se ne jette a lamentare ’Nanze â li piedi de Cupindo amore. Cupindo, Cupindiello marenaro, Si me la vuô prestà’ la tua galera, Quanno io vaco a spasso pe’ lu mare; Vaco a truvare chella mia Sirena.

Vorrei gettare un lazzo tra i cieli, vorrei contar le stelle a una a una. Sabato sera ci provai a contarle: per mia disgrazia inciampai nella luna. E la luna scappò a lamentarsene davanti ai piedi di Cupido amore. Cupido, Cupiduccio marinaio, se vuoi prestarmela la tua galera, che io vada a spasso un poco per il mare: vado a trovare quella mia Sirena.