119 — Aggio saputo, ca la morte vene

Aggio saputo, ca la morte vene Tutte le belle se le vô’ pegliare. Tu che si’ bella, miettete ’mpenziero Tante bellizze a chi le buô lassare? Lassale a uno che te vô chiù bene; Si è pe’ me, i’ nu’ te voglio male. — — « Chiù priesto ’e lassarrie a lu terreno « Ca li lassare a te, core re cane. »

— M’hanno detto che viene la morte per pigliarsi le donne più belle. Tu che sei bella che vuoi star tranquilla? Queste bellezze a chi le vuoi lasciare? Dai, lasciale a chi ti vuole bene: e io verbigrazia non ti voglio male. — Ma più presto le lascio a questa negra terra per non lasciarle a te, cuore di cane.