117 — Uh! cielo, quant’è longa ’sta semmana

Uh! cielo, quant’è longa ’sta semmana Sapeto bello, quanno vuò venire? I’ nu’ la faccio pe’ nu’ fatecare, Lu faccio pe’ vedere a ninno mio. Si ninno mio m’ha creruta schiava, I’ schiavuttella songo de natura; Ma si me menche dinto all’acqua chiara, Me faccio janculella cumme ’e vuje. ’O pepe è niro e s’accatta a denare, De neve stanno chine li puntune.

Oh cielo, quanto dura la settimana! Sabato bello, quando vuoi venire? Io non lo dico per non faticare, lo dico per vedere il nino mio. E se lui m’ha chiamata schiava, io nera lo sono per natura. Ma se mi metto dentro l’acqua chiara mi faccio bella e bianca come voi. Il pepe è nero e costa denari, la neve si scioglie ai canti della via.