116 — Rosa, t’amaje cu’ delore e stienti

Rosa, t’amaje cu’ delore e stienti; Nè te credea maje a me mancante. Tu me facive tanta iuramenti, Ca tu sempre cu’ me fosse costante, Ti si’ mostrata femmena da niente, Ca la parola data diste a tante, Venarrà’ ’nu juorno che te pinte, Tu sola abbannunata e senz’amante.

Rosa, ti amai con dolore e stenti, e non t’avrei creduta mai bugiarda. Tu mi facesti tanti giuramenti: tu sempre con me, perfetti amanti. Ti sei mostrata femmina da niente che la parola data desti a tanti. Verrà il giorno che te ne penti: tu sola abbandonata e senza amanti.