115 — Affaccete a ’sa fenesta, bianco latte

Affaccete a ’sa fenesta, bianco latte, Site chiù ’ghianche vuje ca ’na ricotta. Sia beneretta ’a mamma che t’ha fatta, T’ha fatta bella maggiore de tutte, Quanno nc ’ascite miezo a chessa piazza, Cu’ s’ ’uocchi nire, affatturate a tutti. Affatturaste a me, povero amante, La primma vota ca [me] teniste mente; Teniste mente e m’arrubbaste ’o core, E mo’ io puveriello pe’ te moro.

Affacciati a ’sta finestra, bianco latte: siete più bianca voi che una ricotta. Sia benedetta la mamma che t’ha fatta, t’ha fatta bella, più di ogni altra. Quando voi vi mostrate in questa piazza con quegli occhi neri incatenate tutti. Incatenaste me, povero amante, la prima volta che voi mi guardaste. Mi guardaste e così mi rubaste il cuore: e io mo poveretto per te muoio.