109 — Tutta stanotte nce voglio i’ cantanne

Tutta stanotte nce voglio i’ cantanne, La voglio fare ’na nottata tonna. Quanno simmo a ’nu pizzo de muntagna Vide ’na fenestrella che luceva, Rinto nce steva la figlia e la mamma, Rinto a lu lietto durmenno nce stanne: Tant’era lu splendore de li panne, Ch’era scura notte e pareva juorne chiaro.

Tutta stanotte voglio andar cantando, voglio farmi una nottata in bianco. Quando siamo su un pizzo di montagna vedo una finestrella illuminata: dentro ci stavano la figlia e la mamma, dentro il letto dormendo ci stanno. Tanto era lo splendore delle vesti che era notte scura e giorno pareva.