108 — Rint’ a ’su vico nc’ è nato ’nu tallo

Rint’ a ’su vico nc’ è nato ’nu tallo, È peccerillo e fa’ li cucuzzielle Vih! quanto ne pô fà’ ’sa faccia gialla, Ogne parole ’na botta ’e curtielle; Songhe venute da Napole apposta, Pe’ dire ’na canzone a sa fenesta. Nc’ aggio truvato ’n autu ninno â posta, Stasera voglio fà’ chi resta resta. Lu cuorpo me ne faccio ’na composta, E ’a capa me l’appengo alla fenesta, Teniste mente e m’arrubbaste ’o core, E mo’ io puveriello pe’ te more.

Dentro ’sto vico c’è nato un tallo, è piccolino e fa le zucchine. Guarda quante ne sa far ’sta faccia gialla, ogni parola una botta di coltello. Son venuto da Napoli apposta per gridare una canzone a ’sta finestra. Ho trovato un altro alla posta: stasera voglio far chi resta resta. Il corpo me ne faccio una composta e la testa la appendo alla finestra. Tu mi guardasti e mi rubasti il cuore, e io poveretto per te muoio d’amore.