107 — Bella figliola, a maneche ’ncammisa

Bella figliola, a maneche ’ncammisa Nce staje fresculella comme ’e rosa; Quanno cammini faje tremmà’ ogne cosa, Povero ninnu mio comme arriposa. — Bella nennella, ’o nomme tujo è Rosa, Che bellu nomme mammeta t’ ha miso; E t’ ha miso lu nomme de la rosa, Lu meglio sciore de lu paraviso. Vìate chi cu’ buje dorme e riposa, Viato chi pussere ’o bellu viso, Viato chi se ’nzora e piglia Rosa. Sparagna lu pesone de la casa, Rint’ a lu pietto tujo nce so’ doje rose, So’ doje ruselle de lu paraviso. —

Bella figliola, in maniche di camicia ci stai fresca fresca come rosa. Quando cammini tu freme ogni cosa. — « Povero nino mio come riposa! » Bella nenna, il tuo nome è Rosa; che bel nome tua mamma ti ha dato: ti ha dato il nome della rosa, il più bel fiore del paradiso. Beato chi con voi dorme e riposa, beato chi possiede il tuo bel viso. Beato chi si sposa e prende Rosa: risparmia il pigione della casa. Dentro il petto tuo ci son due rose: son due roselle del paradiso.