104 — Si vuô verè’ lu trepete d’amore

Si vuô verè’ lu trepete d’amore, Vavance la matina a lu Casale Nce sta ’na mamma, cu’ le tre figliole; E tutte ’e tre le vole maretare. Nce sta la prima ch’appassa la luna; L’auta appassa la stella Rïana; E nc’ è la terza ch’appassa lu sole. Nc’ aggio mannato e nu’ m’ ’a vonno dare, Si nu’ me danno chella ca rich’ io, Me faccio Turco e voglio renniare.

Se vuoi vedere il fremito d’amore vattene la mattina giù al Casale: ci sta una mamma con le tre figliole e tutte e tre le vuol maritare. E c’è la prima che eclissa la luna e la seconda la stella diana poi c’è la terza che supera il sole. Ho mandato imbasciata: non me la voglion dare! Ma se non mi danno quella che dico mi faccio turco e voglio regnare.