97 — Uocchie nerille e core de diamante

Uocchie nerille e core de diamante, Comme te vuò levare de ’sta mente? Sònghene li vecine ca tiene accanto, M’hanno mannata a fà’ lu tradimento. I’ voglio prejà’ Dio e tutt’ ’e sante, Che me levàssero a ’stu fuoco ardente, Si ’st’ uocchie mie schioppano a lu chianto, ’Nce vonno maccatore ogni momento.

Dolci occhi neri e cuore di diamante, come mi ti cancello dalla mente? Son quei vicini che ti tieni accanto che m’han fatto di nascosto il tradimento. Io prego Dio insieme a tutti i santi che mi levassero dal tuo fuoco ardente. Se gli occhi miei poi sbocciano in pianto che giova ch’io li asciughi ogni momento?