93 — Che t’aggio fatto, ca me puorto ’o musso

Che t’aggio fatto, ca me puorte ’o musso? Nu’ t’aggio ditto ancora: « ’Sta via passa! » ’Ncoppa â vita toja nce sta’ ’nu jusso Me pare, sia lu ’ncienzo che teraste; Pe’ te ’nzurà’ tu ’nce vônno cunoscere, E tutte le zetelle se n’arrassano. Tu te pretiene ca mercante fusse, I’ me marito e te alla casa lasso.

Che ti ho fatto che mi porti il broncio? Non ti ho detto io: « Va’ per la tua strada! » Sulla vita tua ci sta una taglia: sarà per il censo che ci millantasti? Per sposarti tu voglion conoscerci, e tutte le fanciulle se ne scànsano. Tu ti fingi mercatante, io mi marito e in casa ti lascio.