90 — So’ fatto viecchio e m’è venuto ’o sfizio

So’ fatto viecchio e m’è venuto ’o sfizio Mangià’ n’auta vota cu’ l’aute a tàvue, ’E nepute mie che fanno ’o trivue Ognuno sputa chiù ca nu’ nce n’èrano A ’nu pizzo me metteno rui fave crurive; E à ’n auta parte ri’ cuoste re meneste Tuoste manche ’nu càvuo... Quanno i’ recevo, ca vuleva vèvere Voleva ’o vino, viecchio ro reauvee.

Son fatto vecchio e mi è venuta voglia di mangiar di nuovo a tavola con gli altri. I nipoti miei che fan la crapula mangiano e sputano come una masnada. In un angolo mi mettono due fave crude, da un’altra parte due coste di minestra dure peggio di un cavolo... Quando dicevo che volevo bere: — « Voleva il vino, vecchio del diavolo! »