89 — So’ fatto viecchio e nu’ tengo renare

So’ fatto viecchio e nu’ tengo renare; Tutte me ne scacceano da loco. R’ ’a meglia farina so arredutto a brenna. Addo cummannave, mo’ me cummànnene; Mo’ che so’ arrevato a chissu termene, Nu’ pozzo pavà’ cchiù ’a terra r’’o Càrmene.

Son fatto vecchio e non tengo denari, tutti me ne scacciano da tutti i luoghi. Dalla meglio farina son ridotto a crusca: dove comandavo, or mi comandano. Ora che son ridotto a questi termini non posso più pagar terra del Carmine.