86 — Me voglio maretà’, mamma nu’ bò’

Me voglio maretà’, mamma nu’ bò’ Rice: « Ca n’eggio fatto quinnece anne! » I’ me voglio maretà, essa nu’ bò’, Ch’ave che spartere l’ammore cu’ l’omme. Tengo ninnillu mio, che me vò’, Rice, nu’ bò’ aspettà’ manche ’n ato anno.

Mi voglio maritar, mamma non vuole, dice che non ho ancor quindici anni. Mi voglio maritare, lei non vuole, che ha a che fare con gli uomini l’amore? Io tengo nino mio, e lui mi vuole: dice che non può aspettare un anno ancora.