81 — Bellu fegliolo, che te muzzeche ’su rito

Bellu fegliolo, che te muzzeche ’su rito, Sta attiento, che nce rieste segnalato. Quanno facive l’ammore cu’ miche, Ieri cchiù russo tu ca ’nu ranato. Mo’ che faje l’ammore c’ ’a vecina, Si’ fatto secculillo e staje malato; Se vuò tornare tu all’amore antico, Se vere ’na ’ngialluta ra ’su lato.

Bel figliolo, che ti morsichi il dito: sta’ attento, che ci resti seganto! Quando facevi l’amore con me eri più rosso tu che un bel granato. Dacché l’amore lo fai con la vicina sei diventato secco e stai malato. Se vuoi tornare all’amore antico levati ’sta faccia gialla dal tuo fianco.